Area archeologica di Amplero

L’importante area archeologica comprende un centro fortificato d’altura (ocres) dell’età del Ferro situato sul colle La Giostra,...

L’importante area archeologica comprende un centro fortificato d’altura (ocres) dell’età del Ferro situato sul colle La Giostra, un insediamento italico (vicus), sul pendio di S. Castro, e la corrispondente necropoli, situata nella valletta del Cantone, abitata tra il VI e il V secolo a.C. L’insediamento, costituito da capanne in paglia e argilla, probabilmente distribuite intorno ad un area sacra e difese da una cinta muraria, venne distrutto tra fine IV e inizi III secolo a.C., forse durante la prima guerra sannitica.

Nell’area, frequentata in seguito come luogo di culto, sono emersi i resti di due templi posti all’interno della cinta, datati rispettivamente al II e al I secolo a.C., e reperti datati tra il VII e il II secolo a.C.

Di particolare rilevo la necropoli del Cantone, attiva dal I secolo a.C. al I d.C., che ospita circa 50 tombe sistemate su più file ai lati della valle, alcune delle quali affrescate.

 

Da questi ambienti provengono due pregevoli letti in osso, tipologia diffusa in Italia centrale, finemente decorati e datati al I secolo a.C.

Powered by
GO Infoteam