Grotte di Ortucchio

La notorietà di Ortucchio è legata principalmente agli eccezionali rinvenimenti avvenuti nelle grotte del suo territorio (grotte dei...

La notorietà di Ortucchio è legata principalmente agli eccezionali rinvenimenti avvenuti nelle grotte del suo territorio (grotte dei Porci, La Cava, La Punta, Maritza), che testimoniano come, sin dal Paleolitico, le popolazioni si stanziassero in queste zone.

Il clima  favorevole e l’abbassamento delle acque del lago Fucino, permisero nel paleolitico superiore, tra i 23.000 e 12.000 anni fa, lo sfruttamento delle cavità naturali. Una di queste, denominata Grotta di Ortucchio, si trova a sud del paese, nei pressi del cimitero. L’antro, lungo 12 m e largo dai 3 ai 7, è stata oggetto di indagini archeologiche fin dal 1957. 

Nei livelli superiori, sconvolti da sepolture medievali e più recenti, sono stati rinvenuti frammenti ceramici romani, del Bronzo e dell’Eneolitico. Gli strati successivi hanno restituito tracce di una fiorente industria litica (produzione di manufatti in ceramica) datata al Paleolitico superiore e abbondanti resti di microfauna e uccelli. Da questa grotta proviene il cranio del cosiddetto Uomo di Ortucchio risalente, secondo studi antropologici, a circa 12000 anni fa.

Powered by
GO Infoteam