Castello Piccolomini

Tipico esempio di rocca rinascimentale, il castello Piccolomini di Ortucchio è una delle poche fortificazioni in Italia ad avere un...

Tipico esempio di rocca rinascimentale, il castello Piccolomini di Ortucchio è una delle poche fortificazioni in Italia ad avere un contatto così stretto con uno specchio d’acqua. La struttura, infatti, è posta su un modesto rilievo ed è circondata da un fossato, scavato nella roccia, le cui acque comunicavano con quelle del lago Fucino: l’edificio stesso costituiva un’enorme darsena, un ricovero per le imbarcazioni accessibile dalle acque lacustri attraverso il grande arco, presente nella parte bassa del lato occidentale.

Il nucleo originario è costituito dall’alta torre (fine XIV sec.), parte integrante del sistema difensivo della Contea di Celano, collegata visivamente con le altre rocche e torri costruite intorno al lago.

Passato ai Piccolomini nel 1465, fu interamente ricostruito e ampliato, diventando una fortezza di impianto rettangolare con torrioni angolari a base circolare, collegate dal cammino di ronda.

Al centro della cinta muraria si eleva l’alta torre mastio, a pianta quadrata, decorata sulla sommità da una merlatura aggettante.

 

Gravemente danneggiato dal terremoto del 1915, il castello ha subito numerosi restauri nella seconda metà del Novecento.

Powered by
GO Infoteam